Curva

sostanziale volontà: bontà d’animo, tendenza all’altruismo, ad effondersi a bene degli altri; compassione.

Si avvera quando le lettere, specialmente le O-A e derivate, procedono senza inciampi e con tratteggio curvilineo. Ogni angolo, ogni intozzatura, ogni arresto di sorta, riducono il grado del segno Curva.

  • dà la tendenza all’altruismo (spinta a soddisfare le aspirazioni, le domande, i desideri altrui) se ha l’abilità di eliminare gli ostacoli.
    L’altruista, in quanto tale, tende alla debosciatezza. (Att, 9)
  • amore che ha bisogno di estrinsecarsi … (Att, 13)
  • il soggetto tende ad essere estroverso e ad estrovertirsi per altruismo. L’altruismo non è mai pessimista ma sempre ottimista. (PP, 128)

E’ un segno estroversivo, essendo tale il suo oggetto. Concerne principalmente l’istinto sessuale, in quanto indica tendenza sociale e socializzata. Concerne poi l’istinto vitale in quanto le esigenze nutritive inducono la bontà stessa di cui è indice a tornare al soggetto per la cura delle sue facoltà vitali. Concerne l’istinto psichico in quanto l’individuo tende a estrovertirsi principalmente con la sua intelligenza e il suo sentimento.
La neghittosità di cui è indice tende a non avere spiccato il sentimento dei diritti inalienabili dell’Io. (PP, 31)

CURVA sopra media – pacioneria e neghittosità

  • l’altruismo esagerato e nello stesso tempo istintivo porta con sé la noncuranza dei diritti inalienabili dell’io per inazione, cioè pacioneria e neghittosità che possono avere come conseguenza ‘cecità nevrotica’.

In realtà questo altruismo per neghittosità non è altro che egoismo improntato al non volersi scomodare per mettere le cose a posto, non è un correre là dove c’è bisogno ma un lasciar correre e quietarsi in una specie di beatitudine. (Sc, 19)

Curva sopra media – Va a ledere il risentimento legittimo, la sensibilità (portando alla neghittosità), l’indipendenza, la fermezza, l’equilibrio tra inflessibilità e remissività, l’austerità, la comprensione psicologica, l’impulsività, l’equilibrio, la laconicità (per eccesso), la sostenutezza, la sincerità, l’osservazione (almeno nelle modalità). (Sc, 14)

Nel Curva le inalienabilità dell’io vengono principalmente significate dagli Angoli C. Sicchè l’Angolo C (in gradi medio/bassi) toglie a Curva soltanto quello a cui Curva non ha diritto, e a cui la personalità umana non può e non deve rinunziare. (T, 52-53)

Curva + Angoli C (sopramediocri) – danno l’arte di conquidere per mezzo della amabilità. Gli Angoli C possono introdurre il Curva in un che di scaltrezza che rasenta la furberia.

Curva + Disordinata
F- facilità e arte per la seduzione passiva.
M- facilità e arte della seduzione attiva

Il vero Curva, psicologicamente considerato, non esiste, in quanto che quando appare va sempre congiunto con angoli A-B-C… Anzi facciamo osservare che le scritture le quali, in certo qual modo, tentano di superare il segno dell’altruismo umano ragionevole, hanno, nello stesso tempo, i segni della noncuranza, della mancanza di dignità umana ecc. (T, 59-60)

Curva rigida (aste rette) : ORGOGLIO

Curva marcata: ORGOGLIO

Curva malleabile: sente il bisogno di essere coccolato, tendenza a nostalgia.

curva rotondeggiante (cioè senza nemmeno l’accenno di Angoli A):

  • AUTOTTIMISMO + calibro grande che indica pomposità dà
  • la tendenza alla FACILONERIA e perciò mancanza di criterio pratico. (Sc, 190-193)

Curva/Fluida (1) + Accurata/Angoli C (2)

  1. tendenza a non voler fastidi, a ‘impipparsene’,
  2. ha l’abilità di mostrare il contrario, ma tutto questo non la tocca nel suo intimo.

Curva + Lenta
intelligenza che non ha il concetto dello sforzo per conseguire lo scopo della cultura in genere. La neghittosità intellettiva non fa comprendere al soggetto quello che deve apprendere.
Il sentimento, portato da un altruismo esagerato per neghittosità, si rende cieco circa quello che deve guardare per sceverare ciò che non può cedere di proprio senza moralmente menomarsi, da quello che può essere oggetto di un altruismo ragionevole. (Sc, 20)

.

LUISETTO

  • tenerezza di cuore.

Il sentimento si esprime in questo modo: Curva sente la compassione, sente tenerezza verso uno che soffre, gli dispiace vederlo soffrire. Dopo quando si tratta di aiutare, possono cominciare le restrizioni, perché quello dipende dalla generosità e se la scrittura è stretta tra lettere, dice chiaramente: che si arrangi!

Molto curva con stretta tra lettere: avrebbe profondità, ma siccome non ha altre qualità, in che cosa versa? Coccolona, vuole essere accoccolata, ma non dona niente perché manca di generosità.

Molto curva dà la contentabilità, accontentarsi in tutto. E’ dominato dal desiderio di gratificazione interiore.

Curva senza angoli: dà la pigrizia.
Scarseggia nella spina dorsale (‘sì, sì, va bene’, perché non vuole fare troppa fatica). Dove c’è un po’ di sacrificio tira piuttosto indietro.
Non è del tutto esigente riguardo alla propria perfezione intellettiva e morale individuale. Quindi si accontenta di poco, specialmente nelle forme psichiche, nei lavori. (a meno che non sia dominato da forme di ambizione).

La mancanza di angoli può dare volubilità per troppe idee.
Curva è il segno dell’intelligenza profonda: abbraccia tutta la verità, quindi potrebbe avere molte idee, però tutte queste idee le ha come principio, come sobillazione, come emergenza. Ma il segno Curva è anche segno di neghittosità: perciò quando si tratta di applicarle, passato il fervore, non si applica più a quell’idea là. Se poi ne subisce un’altra, ne sorge un’altra più interessante, abbandona quella e prende quell’altra. Ecco la volubilità!
(mentre l’angolo invece si attacca)