Pendente

segno modificante della volontà: affettività languente

segno sostanziale dell’intelletto: assimilazione

.

DEFINIZIONE

La scrittura pendente è quella che colle aste e colle altre lettere si piega tutta a destra di chi legge.

scrittura pendente: Franz Liszt

.

SIGNIFICATO

Questo segno grafologico indica affettività languente con tendenza all’abbandono e alla melanconia, quando però il segno sia almeno sui 45 gradi. Indica più languidezza di espressione che vera affettività perché questa ha per segno genuino il Curva.

scrittura pendente sui 45°:  Adolf  Hitler

.

Pendente è un segno modificante principalmente della volontà. Per parte dell’intelletto è sostanziale e indica tendenza e abilità all’assimilazione e ciò mi pare si possa ascrivere alla tendenza psichica dell’affettività languente.    (T, 326)

Segno più psichico che di ordine neuromuscolare. Per similitudine o simbolicamente: l’anima si piega in umiltà verso terra per manifestare la propria inferiorità di cessione di fronte all’oggetto amato.        (T, 398)

E’ questo – dalla parte dell’intelletto – il segno dell’assimilazione; dalla parte del sentimento è il segno della tenerezza, dell’affettività in una specie di languore, della sensibilità, dell’associazione della personalità propria con quella altrui, dell’arte di attirare, di tendere il laccio moralmente per predare, ecc.

E’ il sentimento, qui, che spazia con questo segno; e la stessa assimilazione  che riguarda l’intelligenza è prodotta dal sentimento. Perché intanto questo segno è indice di assimilazione intellettiva in quanto è, innanzi tutto, assimilazione del sentimento. (…)

Così l’affettività languida è un’affettività di abbandono e l’abbandono è una cessione in quanto il sentimento che la suscita  ha preso o è stato colpito dal sentimento altrui.

Così la sensibilità è parimenti una cessione del proprio sentimento alla necessità o situazione del sentimento altrui in quella data situazione.

… chi ha questo segno ha anche una specie di isterismo, magari in largo significato, e l’isterismo, qualunque sia la definizione che si adotta, è sempre una diminuzione e quasi estinzione della propria personalità, per l’assimilazione della personalità altrui.

(Att, 111)

Pendente: affettività di abbandono.

Siccome l’affettività di cui è indice tende all’abbandono potrebbe, invece di sollevare il bisogno, accasciarlo maggiormente con le sue facili lacrime e lagnanze e mettersi perciò in condizione di aver bisogno di sollievo invece di darlo.

Presenta poi un altro pericolo ancora: la riconoscenza del beneficato accolta da chi ha il segno Pendente viene a muovere in lui la sensibilità languida e così potrebbe mettere in serio pericolo le disposizioni sessuali.   (T, 406)

Pendente: per se stesso tende all’assimilazione.

La ragione è che, essendo affettività di abbandono, riceve il colpo e non reagisce, lascia che l’affettività lo pervada, viene a incorporare quanto gli è stato gettato addosso: e quindi dovendo produrre, non ha la forza creativa perché questa dipende invece da reazione, ma ha la forza dell’assimilazione. Molto difficilmente, infatti, Pendente va unito a Disuguale metodicamente.                               (T, 488)

Il languore è uno stato d’animo abituale per cui si sente bisogno di un appoggio, è un atteggiamento dell’intelligenza per cui si è molto influenzabili: qualità disintegrata. (Sc, 6)

Gli individui che hanno la scrittura pendente hanno nello stesso tempo l’adito aperto al misticismo, dimodoché se si dirigono e si sforzano per mantenersi nella via spirituale possono diventare specialisti in questo campo.                             (ib.)

– vuole essere considerato (Sc 57, CU 239), stimato (Sc, 57).

Porta tendenza a manifestare la propria affettività con sdolcinatura, con baci, con atteggiamenti dello sguardo languidi. Sono gelosi. Sanno trattare col pubblico, hanno un che di untuoso nel trattare col cliente. Nella sensualità tendono a non dire mai “basta”, ma più che altro circa i contorni e circa le modalità.           (T, 329-330)

le tendenze date dal segno Pendente sono tendenze non troppo onorevoli.

–  l’assimilazione che fa comparire il soggetto originale, mentre in realtà non lo è;

– l’affettività di languore è un’affettività ibrida in quanto che non è affettività altruistica come dovrebbe essere la vera affettività, ma  è un’affettività che prende le forme dell’altruismo, mentre non tende che a soddisfare  il soggetto.    (Att, 112)

Pendente dispone il soggetto ad una affettività che ha qualcosa della morbosità perché il languore di cui è indice non è scevro di qualche cosa di patologico.   (CU, 251)

l’affettività di languore comporta la spinta a donarsi affinché le conseguenze del dono ritornino a favore del donatore.   (CU, 15)

Pendente eccessivo: ispira un che di sfiducia.   (Att, 84)

Pendente eccessivo: per indicare accidia deve essere in grado molto forte, oppure deve essere accompagnato da sciatta o da lenta.  (Vz, 63)

COMPASSIONE ATTIVA E PASSIVA: dispone le doti per saper compassionare gli altri e per suscitare la compassione verso se stessi.                                   (Att, 79)

Il segno Pendente per se stesso non è o difficilmente resta libero dalla insincerità, primo elemento dell’inganno.                                                                    (Att, 79)

Indice di tendenza diretta alla menzogna perché indica:

1. circa l’intelletto, tendenza alla assimilazione che tenta far passare con i lineamenti della originalità;

2. tendenza all’affettività altruistica, mentre dell’altruismo non ha altro che la cessione, la quale però è sommamente egoistica in quanto tende all’autosoddisfazione. Chi ha Pendente tende a far pullulare la menzogna in una forma melliflua che inganna gli incauti.                                                       (Vz, 276)

Quelli che hanno la scrittura Pendente sono atti per il commercio e per gli affari appunto perché sono atti per la menzogna nel manipolare stratagemmi affaristici con una tale arte da fare emergere l’intendimento di fare gli interessi del cliente, mentre tale premura non ha altro scopo che quello di gabbarlo.                                (Vz, 276)

– tendono ad un’affettività di languore, di abbandono e in un modo o nell’altro hanno l’arte di manifestarla. Costoro la manifestano prima con attenzioni, con la parola ansante, …col prodigarsi ad azioni che sfociano in una generosità eccezionale, col dichiarare buono, onesto, sorprendente, ammirevole tutto ciò che si riferisce al soggetto amato, con la prontezza al sacrificio. I difetti, le manchevolezze della stessa persona amata hanno per effetto di accentuare l’entusiasmo affettivo. E se, per caso, la persona amata non comprende tutto questo o se finge di non comprenderlo, allora tali esseri passano arditamente alla dichiarazione esplicita, sia pure essa non conveniente alla professione, al sesso, alla dignità del dichiarante. (…)

Non si rendono conto che con tutto questo possono avere per risultato di stancare la persona amata e così ottenere il contrario di quello che anelano. Mancano cioè dell’arte dell’attrazione.                                                                                (Sc, 129)

tendenza al masochismo: in generale coloro che hanno la tendenza a soffrire le malvessazioni della persona amata, le stranezze, le prepotenze, non scemando il loro amore, anzi intensificandolo, hanno la scrittura Pendente.                             (Sc, 130)

Con Pendente in grado spiccato : il soggetto ha la spinta a voler essere tormentato.

(il gusto)                                                                                                       ( Sc, 132)

Pendente + Acuta: spinta a contraddire sì da creare litigi nei quali ama considerarsi vittima oppure causa per il gusto di essere assalito. Tende, insomma, a creare litigi per il gusto di contraddire, per suscitare le contraddizioni altrui e per essere preso di mira e assalito. (Sc, 132)

Nella riconciliazione gode di essere assalito con accuse e di discutere su di esse non quasi per liberarsene, ma in un certo modo, per cullarvisi

– affettività di abbandono che tende al sacrificio per la persona amata.  (Sc, 131)

Se viene trattato male dalla persona amata tende a non deflettere; non sopporta che altri dicano male della persona amata.     (Sc, 132)

Pendente = affettività di languore. Sebbene sia più nella manifestazione che nel sentimento, tale languore, specialmente quando è accentuato, porta sempre un che di perdita di libertà nelle proprie azioni.        (T, 447)

– mellifluità che scaturisce dalla tendenza a quel che di languidezza di cui è indice il segno Pendente.       (Att, 29)

Pendente (sui 7-8/10) è indice di affettività passiva e quindi di eccitamento della affettività altrui in riguardo al soggetto.

– è il segno della benignità    (CU, 155)

– amabilità atta alla persuasione    (Att, 23)

– disposizione alla servizievolezza       (Sc, 75)

– segno della disposizione alla commozione, perché la commozione, in se stessa, ha sempre qualche cosa di languore.           (CU, 116)

– mellifluo, ingannevole  (CU, 102)

– untuosità (affettività melliflua) (Att, 327)

– tendenza a uno stato depressivo  (Pendente 8-8/10) dal quale si libera con molta difficoltà  (Sc, 147)

– ha bisogno di essere confortata  (Sc, 28)

– tendenza alla frigidità relativa (sopra media); il pendente porta languore relativo e forte solo verso certe persone.           (analisi grafologica di Tolstoi)

querulo, con il gusto di essere tale (mancanza di criterio o di vera critica-stretta tra parole) o solo con la persona amata e con persone che mostrano al soggetto comprensione (se ha del criterio pratico, cioè larga tra parole sui 3-4/10)      (Sc, 132)

La vera Pendente, cioè in grado superiore, contrasta con Disuguale metodico in quanto richiede qualcosa di uguale.

Con Profusa: la stessa profusione distoglie Pendente dalla sua tendenza al languore, ne diminuisce anche graficamente l’intensità. Anche l’assimilazione viene contraddetta perché richiede qualcosa di uguale che non si addice a Profusa.

Con Scattante: nello scattare la grafia tende a perdere la pendenza.

Con Slanciata e Impaziente: come Profusa.             ( GP, 28-29)

Pendente nella affettività ha tendenze paranormali.         (Att, 112)

– affettività di abbandono (Pendente 7) per cui, caduta una volta, fissa nella memoria tutti i particolari attraenti della caduta, sicché accresce la disposizione per nuove cadute.  (Sc, 69)

Curva + Pendente – Assimilazione e abilità per uniformarsi alle azioni della persona amata; facilità di telepatia cordiale che riguardi le persone familiari, facilità di accesso anche verso persone altolocate per ottenere un favore. Perché il Pendente dà la disposizione alla abilità della frase che coglie nel segno.              (Att, 13)

– il soggetto è molto dominato dal sentimento di simpatia o antipatia.     (PP, 34)

Pendente sopra la media: è disintegrante perché mette la debolezza dell’io là dove dovrebbe aver luogo la fortezza e la rinuncia. Può quindi ledere tutte le qualità.

(Sc, 16)

Pendente + Ponderata. Questi due segni  danno accesso al trionfo della persuasione per l’abilità e la tolleranza con cui viene condotta una disputa, perché, debellati tutti gli argomenti, il soggetto che ha questi due segni, ha l’abilità di appigliarsi a quei mezzi del sentimento che servono a suscitare la compassione, la discrezione, la considerazione delle cose che toccano il cuore.                    (Att, 103)

– la pendenza non sempre omogenea manifesta nel soggetto la disposizione ad usare l’affettività melliflua (l’untuosità) secondo il bisogno.          (Att, 327)

– … la garbatezza magari cessa di essere, e facilmente in modo banale, quando l’altro esce ed è lontano …                                                                  (Att, 326)

Pendente (8) + Accurata (8): danno la commedia dell’affettività, perché presentano un’affettività bugiarda (Sc, 191)

Pendente + Angoli A – Siccome Pendente è indice di assimilazione e Angoli A è indice di concentramento dell’io nell’io medesimo, ne viene che chi ha questi due segni ha l’attitudine ad una assimilazione personale che può avere qualche sprazzo di originalità. Dico “sprazzo di originalità” e non vera originalità perché questa viene dal segno Disuguale metodicamente. Meglio: il segno Angoli A è indice di personalità e perciò indica quella personalità che viene indicata dai segni concomitanti; e se il segno concomitante è il segno dell’assimilazione, in questo caso l’originalità consiste soltanto nell’assimilazione originale.  (Att, 21)

Pendente + Slanciata – Il soggetto è tanto preso dai contorni dell’istinto sessuale che tende a non curare le esigenze dell’istinto vitale: quindi trascuratezza della qualità e della presa del cibo, trascuratezza della quantità e della comodità del riposo, trascuratezza dell’igiene, ecc.  (P.P., 58)

Pendente + Intozzata II modo – isterismo, spesso artificioso, che può essere eccellente nello svolgimento di un dramma, di un’opera cinematografica – nella pratica della vita reale… ipocrisia di commedia che apporta tanti danni in una famiglia.  (Att, 52)

Pendente + Chiara: dà l’abilità per la tecnica di varie specie.

Pendente + Aste con il concavo a destra: la congiunzione di questi due segni porta il soggetto alla vigliaccheria; dà un non so che di disposizione alla sensitività. (Att, 113)

Pendente + Filiforme: sensitività telepatica – su di essa possono arrivare a cose anche sbalorditive (ma se si danno alla sensitività di professione, ne subirebbero dei danni non indifferenti al sistema nervoso).  (Att, 113)

Pendente + Profusa:   improntano quei caratteri che facilmente vengono trascinati da una passione. Hanno l’abilità per composizioni a sfondo romantico, che hanno sapore di assimilazione. Questi due segni parimenti improntano quegli esseri irrequieti, in certo modo secondabili con un nonnulla ma poi assetati ancora di soddisfazioni.  (Att, 113)

Dove ha simpatia si attacca con una costanza e una forza straordinarie. L’affettività prende le forme dell’altruismo, mentre non tende che a soddisfare se stessa. All’affettività, infatti, che cosa importa? Io ti voglio bene, ma tu mi devi ricambiare.

Si lagnano e insistono nel domandare, ma sanno domandare (esigenza di considerazione).

L’affettività del Pendente non è che porti alla semplicità, porta alle complicazioni, perché dà la mania di consigliare gli altri, di intromettersi nei fatti altrui, di volere che le cose vadano secondo il proprio modo di vedere, “sai, lo faccio per il tuo bene”. (spec. se Pendente e Accurata).

Quando il Pendente è forte, l’affettività domina veramente tutto l’essere, che si abbandona. Ha quelle forme insistenti, pesanti, che danno un po’ di fastidio.

Se uno si attacca passionalmente a uno che ha la scrittura Pendente, diventa addirittura un peso enorme, ce l’ha sempre alle calcagna. Uno, per esempio, che ha Pendente costringe l’altro a prendere quella medicina che ha detto lui; se l‘altro scappa, lo insegue. Perché: quello che faccio io, quello è bene!

Piange quando non c’è bisogno di piangere, per conquistare, e insiste; prende forme ed atteggiamenti del volto un po’ fuori del naturale, quelle forme che pesano.

Mania di dar consigli. Pettegolo, se è un po’ stretto tra lettere. Permaloso.

Pendente ha una costanza straordinaria, in tutto (anche nella gelosia, nei propri vizi). Dà lo spirito di assimilazione perché non molla. Uno, per esempio, che ha

scrittura Pendente tiene duro, dove si applica mantiene una certa pedanteria: persegue le cose in un modo straordinario.

Pendente dà la pretesa di essere compresi; quindi possono essere tipi lagnosi, queruli (spec. con Curva e Discendente o Lenta).

Può dare la tendenza pedagogica (insegnamento, educazione) per la disposizione a consigliare (con larghezze equilibrate).

La pendenza dà l’accoglienza verso gli altri. Ma la cordialità è esteriore, perché dopo è capace di mandare in malora uno.

Pendente + Accurata: l’attaccamento diventa morboso.

Pendente (spec. con Angoli A) + Accurata: mania di direzione, mania di dar consiglio, mania di essere tutto per gli altri, ma sempre per la compiacenza interiore.

Pendente oltre 45° + Grossa: volgare, languido, in un momento di affettività può perdere perfino le bave dalla bocca.