Rovesciata

segno modificante della volontà: stranezza

.

DEFINIZIONE

La scrittura rovesciata è quella piegata a sinistra.

scrittura Rovesciata: la scrittrice Louise M. Alcott

.

SIGNIFICATO

Viene considerata come indice di stranezza. Tuttavia la stranezza non viene proprio dalla scrittura rovesciata, ma da altri segni che per lo più accompagnano questa scrittura.

Tendenza a dispettosità, a irremovibilità, a non sottomissione. Si può dire che il soggetto abbia una tendenza speciale alla contraddizione alla quale si appiglia e difficilissimamente se ne distacca anche se ne venga indotto da principi religiosi intensamente professati e messi in azione. Nella sensualità ha un che di frigidità nelle modalità e più che altro per la difficoltà alla cessione in quanto tale (la frigidità può essere una conseguenza dello spirito e del gusto della contraddizione).

Per tendenza il soggetto ha la spinta a combinare inceppamenti nella evoluzione di una cosa e questo anche se la cosa riguarda qualche familiare e l’inceppamento è a danno del familiare. Tende a ridere poi di gusto se è riuscito nell’intento. Tende alla indignazione se gli viene fatto qualche torto, se gli si è mancato di riguardo.     (T, 331-332)

– sentimento di attaccamento al proprio io diretto dalla diffidenza.   (Sc, 165)

– dispettoso, pungente   (CU, 102)

– gusto di creare discordie, liti, diatribe.  (Sc, 126)

– vivacità intellettiva piuttosto cupa  (Sc, 126)

E’ il segno grafologico della stranezza. Poiché la stranezza si avvera ordinariamente nella parte affettiva con sfociamenti di simpatia e antipatia, ordinariamente impegna principalmente l’istinto sessuale.          (PP, 34)                                         

stravaganza-fantasticheria: concerne principalmente l’immaginazione che spinge a fantasticherie su cose che non hanno fondamento o che hanno un fondamento effimero, oppure di tutt’altra specie di quello supposto dallo stravagante.

Stravaganza e fantasticheria strana sono la medesima cosa. Negli esseri che ne sono muniti predomina lo svolgersi libero di immagini più o meno vivaci, associato alla tendenza di riduzione di coscienza e a una certa scomparsa degli stimoli volitivi. Così essi tendono ad essere suggestionabili e auto-suggestionabili.

La stravaganza di questi esseri ha un fondo isterico. Sono intenti ad attrarre su loro l’attenzione altrui, spesso anche con sgarbi; abili a mentire, a fingere, a comporre tranelli, dispetti, e in ciò consiste principalmente l’arte della loro attrazione.

L’intelligenza può apparire brillante per la dialettica accorta e mordace e per il gioco delle sorprese.         (Sc, 126)

– indica principalmente fantasticheria strana, fondata sul sentimento egoistico contorto, in quanto avanza col vertice inferiore, preservando il vertice superiore che si introduce dopo che il vertice inferiore ha superato gli ostacoli del processo.

Segni concomitanti e quasi indispensabili:

– Intozzata I e II modo (imposizione-emotività);

-Aste concavo a sinistra (repulsione) o Aste rette (inflessibilità).      (Sc, 127)

Rovesciata è un accrescitivo dell’ira, come è un accrescitivo di tutte le passioni in quanto indica stranezza, la quale non ha nulla di duttilità.        (Vz, 316)

Rovesciata per una semplice difficoltà di ordine specialmente affettivo può tralasciare tutto quello che ha intrapreso.           (Sc, 150)

–  il soggetto tenterebbe di occultare la sua tendenza che sarebbe quella della pendente e quindi il significato della pendente. È indice perciò della menzogna indica da Pendente aggiunta alla menzogna indicata dallo sforzo nel voler occultare la tendenza propria della Pendente.

La menzogna di cui è indice Rovesciata è più intensa e più molteplice di quella indicata da Pendente.                                                                  (Vz, 275-276)