Spadiforme

segno modificante dell’intelletto e della volontà (affievolimento)

DEFINIZIONE – E’ quella in cui le lettere diminuiscono progressivamente di calibro dalla prima parola di una riga all’ultima della stessa riga, oppure in una sola parola se essa è lunga.

Lo spadiforme è difficile che si avveri in tutta la riga. Dato che si avveri indica entusiasmo iniziale che poi si affievolisce senza ritornare al primiero fervore. Coloro che hanno questo segno incominciano le loro opere e poi non solo non le finiscono, ma non hanno nemmeno la potenza di finirle in quanto che la loro opera ha perduto davanti ai loro occhi il diritto di essere considerata. Sono quegli esseri che nella vita non concludono nulla perchè sfiduciati circa la forza della loro intelligenza e del loro sentimento. In essi c’è un che di patologico che si determina in una forma depressiva. (T, 384)

E’ indice di entusiasmo iniziale troppo accentuato, il quale, poi, nel decorso, si afflievolisce a misura che il soggetto o si afievolisce per se stesso, oppure entra nell’esame pratico e deve, forzato dall’oggetto, calmare il suo bollore. (T, 386)

Lo spadiforme nella parola indica quegli esseri che all’inizio del loro pensiero hanno l’entusiasmo della loro idea, ma che poi lasciano sfumare nel corso della attuazione per riprenderlo poi ad un successivo svolto della vita. Oppure hanno in principio un entusiasmo che tende ad essere esagerato, ma ci si adagiano sopra e in tal modo lo riducono a quel fervore che è necessario alla cosa (O’Connel); poi ritornano all’entusiasmo e all’adagiamento. A questa categoria appartengono quegli esseri che concludono molto nelle loro opere intraprese e terminate sì da lasciare un solco profondo nella storia. Sono esseri che accolgono entusiasti qualunque novità e qualunque nuovo pensiero che poi liberano da tutte le frange e da tutti i contorni, che tentano portare le novità fuori della loro vera oggettività. (T, 384)

Lo spadiforme tra lettere consiste in uno più o meno continuo alternarsi di lettere una più grande dell’altra. Indica tendenza al fanatismo e alla successiva depressione. In senso inverso indica depressione, diffidenza di se stessi e poi scatti di fanatismo. (T, 384)

E’ il segno della tendenza all’affievolimento non per causa di esaurimento (da troppo lavoro), ma per tendenza alla noia (condizione psichica della mente che lavora e che si stanca nel pensare).Appartieneall’istinto psichico. (P.P. 40)